Fratture ricomposte

Basta, non ce la faccio più ad aspettare. Stringere la cinghia per riuscire a sopravvivere va bene, ma quando ci vuole ci vuole.

Domattina rimonto in sella alla vecchia Elsa rediviva, e via per una zingarata in solitaria come ai vecchi tempi. Un giorno solo, ma ho bisogno di ricordarmi chi sono e cosa mi dà gioia.

Strada che scorre, quasi senza meta. Un pieno di benzina e non di più, ma basterà. Si va a nord, per stradelli e borghi in rovina. Via dallo schifo e dal grigio della città che non ha niente da offrirmi.

Stammi dietro, se ci riesci. Ma lasciami in pace. Lasciami vivere. Mi hai portato via abbastanza, maledetta.

Lasciami in pace, solo per un giorno.

Annunci

Un pensiero su “Fratture ricomposte

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...